Celebrazione

Ogni domenica alle ore 10:00.

Ultime domeniche del mese

Ogni alle ore 18:00.

Brontolare non fa mai del bene. Il popolo di Dio nel deserto non è entrato nel paese della promessa a causa delle sue lamentelle. Impariamo a essere riconoscenti invece di brontolare.

Lettura: Matteo 20:1-16

LA Famiglia BORBOTTARE

C’è una famiglia che a nessuno piace affrontare,
Vivono, si dice, in via Brontolone,
Nella città che si chiama Insoddisfatti.
Accanto al fiume Scontenti.
Essi ringhiano a questo e a questo,
Qualunque cosa succeda c’è sempre qualcosa che non va;
Essi sono conosciuti con il nome di Borbottare.
Il tempo è sempre troppo caldo o freddo,
Estate e inverno si sgridano;
Nulla va bene con la gente che incontrano
Lì in via Brontolone.
Fremono alla pioggia e fremono al sole,
In realtà il loro ringhio non è mai finito.
E se tutto va a loro piacere, non c’è dubbio
Ringhieranno sul fatto che non c’è nulla da lamentarsi.
Ma la cosa più strana è che nessuno di loro
Può essere portato a riconoscere il suo nome di famiglia
Perché mai un BORBATTARE accetterà
Di essere collegato con gli altri,.
E la cosa peggiore è che, se qualcuno rimane
Troppo in mezzo a loro, col tempo imparerà i loro modi,
E prima che sogna del terribile guazzabuglio
Sarà adottato nella famiglia Borbottare.
Così se fosse più saggio per noi trattenere i piedi
Dal vagare nella via Brontolone;
E mai ringhiare, qualunque cosa facciamo,
Per non essere scambiati con un Borbottare,
Impariamo a camminare con un sorriso e un canto,
Non importa se le cose vanno male a volte,
E poi, che le cose vanno bene o no,
Non apparterremo mai alla famiglia Borbottare!

Come individuare un Brontolone:

Ci sono tre segni che indentificano un Brontolone:.

I. In primo luogo, il brontolone non è mai soddisfatto.

Se si tratta di soldi, non ne ha mai abbastanza. Se è la sua casa, qualcun altro ne ha una più bella. Se si tratta dei suoi voti a scuola, il 6 su 6 è una delusione. E’ esperto in critica e ha un dottorato di ricerca in pignoleria. Niente è mai abbastanza davvero.

Un Brontolone trova soldi

Un Brontolone trovò qualche soldo accartocciato per terra. Lo prese, e scoprì che era una banconota da 10 franchi.
“Questa è solo la mia fortuna”, l’uomo disse lamentandosi. “Se qualcun altro l’avesse trovato, sarebbe stato una banconota di 50 franchi!”
Brontoloni guardano sempre al lato negativo di ogni situazione. Non sono mai riconoscenti per quello che hanno, ma crucciano sempre perché non c’è di più.

II. In secondo luogo, il brontolone ha sempre una scusa.

Chiedetegli perché non acquista una nuova auto e vi risponderà che i tassi di interesse sono troppo alti. Chiedetegli di nuovo e lui dice che costano troppo. Chiedetegli di nuovo e dirà che le nuove auto sono una fregatura. Chiedetegli perché non acquista una macchina usata e risponderà che comperare una macchina d’occasione è solo comprare i problemi di qualcun altro. Chiedetegli perché non sistema la sua macchina e risponderà che non si buttano soldi in questo modo.

III. In terzo luogo, il brontolone sovrastima la sua importanza.

I primi lavoratori non si sono lamentati contro quei lavoratori che sono arrivati alle 9:00, alle 12:00, o alle 15:00, ma solo con un gruppo: l’ultimo ad arrivare, quelli che hanno lavorato sola un’ora.

Nella loro mente, hanno pensato che avrebbero dovuto ricevere maggiori compensi, un bonus considerevole, o un interessante pacchetto.

L’orgoglio di lavorare sodo per i soldi, di dare valore al denaro, e di non più essere in disoccupazione era perduto per questi operai che erano precedentemente disoccupati e per le strade.

Dopo tutto, non hanno portato il peso e sfidato il caldo? Erano dei perfezionisti, professionisti e artisti induriti. Non si lamentarono di non avere abbastanza, ma di non avere di più. Il gruppo di scontenti confondette la dignità personale con la pena relativa degli altri.

Cosa c’è alla base della loro denuncia?


Matteo 20:12

“Questi ultimi hanno lavorato solo un’ora, e tu li hai trattati come noi che abbiamo sopportato il peso e il caldo della giornata”.

Fondamentalmente è in quella piccola frase “li hai trattati come noi.” Se solo contavi le ore lavorate, avresti visto che non erano uguali.

Il problema non era che erano pagati, o che avevano ricevuto un denaro, il problema era che avendo lavorato meno, sono stati pagati come noi!

Matteo 20:10
Quando vennero i primi, pensavano di ricevere di piú, ma ricevettero anch’essi un denaro per uno.

Ed è per questo che brontolavano.

La discesa mentale del Brontolone:

Fase una: Osservazione — hanno visto i ritardatari pagati.
Fase due: Aspettativa — hanno pensato che sarebbero pagati di più.
Fase tre: Costernazione — non potevano credere quello che stava accadendo.
Fase quattro: Detonazione — sono saltati in aria quando hanno scoperto che tutti venivano pagati allo stesso modo.

Esodo 16 – il popolo Brontola!

Un mese era passato tra il momento in cui Israele partì dall’Egitto e raggiunse il deserto. L’acqua era già stata un problema (15:22-26), e ora avevano finito il cibo. Erano spaventati al punto di cominciare a pensare a “bei vecchi tempi” in Egitto, quando cantavano e mangiavano. Essi si scoraggiavano prima d’iniziare il loro nuovo percorso. Erano sulla strada solo pochi giorni e perché avevano perso un pasto o due erano pronti a tornare ai campi di schiavitù d’Egitto. Gli stomachi ringhiosi presto producono labbra brontolone.

Cinque cose che questo passo ci mostra sui brontoloni.

1. I brontoloni trovano sempre qualcosa di cui lamentarsi!
Non sono mai soddisfatti.

I versi da uno a quattro del capitolo sedici rivelano:

“Poi essi partirono da Elim e tutta l’assemblea dei figli d’Israele giunse nel deserto di Sin, che è fra Elim e il Sinai, il quindicesimo giorno del secondo mese dopo la loro partenza dal paese d’Egitto. 2 E tutta l’assemblea dei figli d’Israele mormorò contro Mosè e contro Aaronne nel deserto. 3 I figli d’Israele dissero loro: «Oh, fossimo pur morti per mano dell’Eterno nel paese d’Egitto, quando sedevamo presso le pentole di carne e mangiavamo pane a sazietà! Poiché voi ci avete condotti in questo deserto per far morire.”

Sorprendentemente i figli d’Israele non sembrano aver imparato nulla dalla loro esperienza passata riguardo alla fedeltà e alla cura di Dio. Di nuovo si danno alla autocommiserazione, brontolando e lamentandosi.

Ma non solo loro. Tanti credenti si lamentano. Per alcuni, brontolare è una forma d’arte.

La gente brontola nel traffico, al lavoro, in famiglia, in chiesa, ecc..

1.Brontolare è problema di ingratitudine. Uno brontola come risposta al dolore o ai problemi della vita. Si brontola perché si pensa di meritare piacere piuttosto che dolore e prosperità piuttosto che avversità.

Ogni volta che siamo tentati a mormorare e lamentarsi abbiamo bisogno di rivedere il passato e ricordare come il Signore ci ha benedetti!

Molti sono come la persona che disse: “La mia auto si è rotta e ho speso 400 franchi per ripararla … 400 franchi che non avevo. Perché proprio a me Signore? Dopo tutto, sono stato più bravo degli altri. Perché mi hanno trattato in questo modo? Perché mi punisci in questo modo? Poi la tv si è rotta, e poi la lavastoviglie, e la asciugatrice e il tosaerba, e anche il ferro da stirare! Perché io, Signore?”

2. Brontolare è un problema di percezione. Il problema è che quando noi brontoliamo, la nostra percezione è difettoso. Brontolare ci fa invariabilmente distorcere i fatti.

(A) C’è una memoria esagerata del passato. I figli di Israele hanno esagerato nelle loro menti sui benefici d’Egitto. Hanno detto: “quando sedevamo presso le pentole di carne e mangiavamo pane a sazietà”.
Come schiavi questo non poteva essere vero. Essi hanno convenientemente dimenticato la sferza del sorvegliante e l’angoscia dei loro cuori di essere liberi dal lavoro massacrante del Faraone.

(B) La loro percezione del pericolo imminente di morte di fame è stata anche notevolmente esagerata.

3. Brontolare è un problema contagioso. Secondo il versetto 2: “E tutta l’assemblea dei figli d’Israele mormorò…” Quello che era iniziato con solo qualche persona ora aveva contaminato tutta la comunità.

2. I brontoloni hanno già bocciato la prova!
Dio risponde dolcemente e gentilmente al brontolio degli Israeliti. Il versetto quattro dice: “L’Eterno disse a Mosè: “Ecco, io farò piovere per voi del pane dal cielo; e il popolo uscirà e raccoglierà ogni giorno la provvista del giorno, perché io lo voglio mettere alla prova per vedere se camminerà o no secondo la mia legge.”

Che un annuncio interessante. “Risponderò alla vostra esigenza di fame, ma questo porterà ad un altro test.”

Secondo il versetto quattro dono quotidiano è stato inteso come un test. “Ecco, io farò piovere per voi del pane dal cielo; e il popolo uscirà e raccoglierà ogni giorno la provvista del giorno, perché io lo voglio mettere alla prova per vedere se camminerà o no secondo la mia legge.”

La raccolta della manna era una prova della loro obbedienza.

3. I Brontoloni sono sempre alla ricerca di qualcuno da incolpare!
Hanno accusato Mosè di condurli nel deserto per ucciderli.
Hanno pensato che si sfogassero solo la loro frustrazione su un uomo come loro, ma in realtà mormoravano contro Dio.

Nel versetto sei Mosè dice ai figli d’Israele:

“Allora Mosè ed Aaronne dissero a tutti i figli d’Israele: «Alla sera voi conoscerete che l’Eterno è colui che vi ha fatto uscire dal paese d’Egitto; 7 e al mattino vedrete la gloria dell’Eterno, poiché egli ha udito le vostre mormorazioni contro l’Eterno; ma noi che cosa siamo perché mormoriate contro di noi?». 8 Mosè disse ancora: «Questo avverrà quando l’Eterno vi darà carne da mangiare alla sera e pane a sazietà al mattino, poiché l’Eterno ha udito le vostre mormorazioni che avete fatto contro di lui. Ma noi che cosa siamo? Le vostre mormorazioni non sono contro di noi, ma contro l’Eterno”.

Come Mosè fece chiaramente notare, il loro brontolare non era una protesta della sua leadership, ma di quella di Dio.

4. I Brontoloni non sono mai soddisfatti con ciò che ricevono
A partire dal versetto 13 scopriamo come Dio ha provveduto per le esigenze di Israele.

“13 Così, verso sera avvenne che salirono delle quaglie e ricopersero il campo; e al mattino c’era uno strato di rugiada intorno al campo. 14 Poi lo strato di rugiada scomparve, ed ecco sulla superficie del deserto una cosa fine e tonda, minuta come la brina sulla terra. 15 Quando i figli d’Israele la videro, si dissero l’un l’altro: «Che cos’è?», perché non sapevano che cosa fosse. E Mosè disse loro: «Questo è il pane che l’Eterno vi ha dato da mangiare.”

Nel Salmo 78, la manna è chiamata “il pane degli Angeli.” (78.25). Ogni mattina gli angeli fecero scendere questo cibo celeste e lo sparsero davanti a loro. Essi non hanno dovuto lavorare per esso. Non dovevano prepararlo. Tutto quello che dovevano fare era mangiare, ma anche questo non era piaciuto loro.

Numeri 11:5-6
5 Ci ricordiamo dei pesci che in Egitto mangiavamo gratuitamente, dei cetrioli, dei meloni, dei porri, delle cipolle e degli agli.
6 Ma ora, l’intero essere nostro è inaridito; davanti ai nostri occhi non c’è nient’altro che questa manna».

Abituarsi alle benedizioni

Carolina decise di fare qualcosa di carino per la sua vicina, la Signora Bernasconi, così ha sfornato una torta e la portò accanto. Quando la signora Bernasconi ha aperto la porta, fu sorpresa di vederla con la torta. E rispose: “È per me? Oh, grazie mille! Non sai quanto apprezzo che tu sei così premurosa per fare questo! Grazie!”

Perché alla signora Bernasconi piaceva tanto la torta, Carolina decise la prossima settimana di cuocerne un’altra. Portandola accanto, la signora Bernasconi aprì la porta e disse: “Grazie mille. Lei è così gentile!”

Carolina, prese un’altra torta nel corso della settimana seguente. E la Signora Bernasconi rispose semplicemente: “Grazie.”

Settimana dopo settimana, la Carolina portava delle torte. Un giorno, ne portò un’altra quando la signora Bernasconi rispose: “Sei venuta con un giorno di ritardo con quella torta.”

La settimana seguente, Carolina fece di nuova un’altra torta. Questa volta la sua vicina disse: “Provi a usare un po’ più di zucchero e di non cuocerla abbastanza a lungo. La crosta è stata un po’ dura ultimamente. E mi piacerebbe che la riempiste di ciliegia invece di mela la prossima volta.”

La settimana dopo, Carolina era così occupata, che non era in grado di cucinare per la sua vicina di casa. Quando Carolina era sulla strada per andare al negozio, la signora Bernasconi guardò dalla finestra e notò che non portava una torta. Poi infilò la testa fuori dalla finestra e gridò: “Dov’è la mia torta ?!”

È così facile abituarsi alle nostre benedizioni. Dopo averle goduto per un po’, si comincia a pensare che le meritiamo. Poi invece di essere grati, ci lamentiamo. E’ un processo che si verifica così lentamente, che non ci si rende nemmeno conto che sta accadendo.

5. I Brontoloni non sono mai soddisfatti con quanto ricevono
Nel versetto sedici i figli di Israele ricevono delle istruzioni specifiche su come raccogliere la manna.

« Ecco quel che l’Eterno ha comandato: Ne raccolga ognuno quanto gli basta per il suo nutrimento, un omer a testa, secondo il numero delle persone che siete; ognuno ne pigli per quelli che sono nella sua tenda». 17 I figli d’Israele fecero così; gli uni ne raccolsero di piú e gli altri di meno. 18 Lo misurarono con l’omer; or chi ne aveva raccolto molto non n’ebbe troppo; e chi ne aveva raccolto poco non ne mancò. Ognuno ne raccolse in base al suo bisogno di cibo. 19 Poi Mosè disse loro: «Nessuno ne avanzi fino al mattino». 20 Ma essi non ubbidirono a Mosè e alcuni ne avanzarono fino all’indomani; e questo imputridì producendo vermi e mandò fetore; e Mosè si adirò contro costoro. »

Gli Israeliti temevano che sarebbero morti di fame, e si può solo immaginare lo zelo con cui raccolsero la prima manifestazione della manna.

C’era abbastanza manna, a quanto pare, per ogni israelita. Ma gli sforzi per accumulare la manna erano una disobbedienza diretta alle istruzioni di Dio.

Sembrerebbe che Israele fosse colpevole di due peccati; avidità e brontolare.