L’amore perfetto caccia la paura

1Giovanni 4:17 – In questo l’amore è stato reso perfetto in noi (perché abbiamo fiducia nel giorno del giudizio): che quale egli è, tali siamo anche noi in questo mondo. 18 Nell’amore non c’è paura, anzi l’amore perfetto caccia via la paura, perché la paura ha a che fare con la punizione, e chi ha paura non è perfetto nell’amore.

Tre volte qui, in questi tre versi, leggiamo di un amore perfetto o perfezionato. Questo è ciò che tutti cercano, tutti anelano e nessuno troverà mai nulla se non un rapporto con Dio.

Definizione della parola perfetta:

La parola perfetta nel testo traduce una parola greca (Teleio) che significa completo, intero. Denota la nozione di realizzare o raggiungere la fine. Questa è la parola che Gesù usò quando sulla croce di Golgotah giunse alla fine di tutto ciò che il Padre gli aveva chiesto di compiere; e gridò: “Tutto è compiuto”; tutto è fatto; tutto è completo; tutto è perfetto. Questa parola porta l’idea che nulla può essere fatto per migliorare ciò che è stato appena fatto.

L’amore perfetto è un amore che è giunto alla fine. Meglio di così non esiste. È un amore a cui non si può aggiungere nulla. Non può essere migliorato. È l’amore perfetto che emana dalla pienezza di Dio, dal sacrificio completo di Gesù sulla croce.
La pienezza dell’amore perfetto di Dio è in noi, a nostra disposizione. L’amore perfetto è l’eredità che Dio lascia ai suoi figli. Chi rimane nella certezza dell’amore perfetto di Dio per lui, non avrà paura, perché questo amore per noi è perfetto e scaccia la paura.

La stella Alpina e il bambino.

Un turista di montagna vede che lungo la scogliera c’era una bellissima stella alpina, una stella alpina. Non riesce a raccoglierla. Vedendo passare un bambino di 9 anni, gli chiese di aiutarlo.

“Ti terrò per le tue gambe, ti farò appoggiare per la testa, e tu stenderai il braccio il più possibile, e con la mano raccoglierai il fiore.”

Il ragazzo ha rifiutato e se ne è andato. L’uomo era sconvolto. Aveva così tanto a cuore questa stella alpina, ma non sapeva come raccoglierla. Immerso nella sua confusione, fu rapidamente interrotto dal suono di persone che andavano avanti.
Rivede il bambino, ma accompagnato da un uomo. Con sua grande sorpresa, l’uomo prese il ragazzo per le caviglie, lo appese lungo la scogliera, distese il braccio, e con la sua mano fragile riuscì a tirare la stella alpina dalla roccia, e quando tornò in piedi, lo diede a quest’uomo con grande gioia. Ne fu felice. Ma dopo pochi secondi, chiese al bambino perché aveva infastidito quell’altro uomo.

– “Avrei potuto prenderti io per le caviglie e così via”.

Il bambino rispose: “Ah, il fatto è che io non la conosco. Questo è mio padre”!!!!!!!!!!!!

L’amore caccia la paura.

La storia di questo bambino che raccoglie stella alpina parla dell’audacia che abbiamo quando sappiamo di essere avvolti dall’amore perfetto di Dio. Questo perfetto amore di Dio per noi scaccia ogni paura.

Come fa l’amore di Dio a scacciare la paura dai nostri cuori? L’amore perfetto dissipa la paura perché…..

I. L’amore perfetto di Dio ci rivela la provvidenza di Dio

  1. Poiché il suo amore per noi è perfetto, abbiamo la certezza che si prende cura di noi.
  2. Poiché il suo amore per noi è perfetto, sappiamo che ha pagato il prezzo per salvarci dall’inferno, attraverso la morte di Gesù sulla croce.
  3. Egli definisce il suo amore attraverso
    1. La sua bontà,
    2. La sua generosità e
    3. La sua grazia redentrice.

Tutte le difficoltà che incontriamo ci ricordano ciò che il peccato ha fatto e ci forniscono un contesto per comprendere la grandezza dell’amore di Dio. Dio è chiamato il Dio dell’amore.

Come fa l’amore di Dio a scacciare la paura dai nostri cuori? L’amore perfetto dissipa la paura perché…..

II. L’amore perfetto di Dio rivela la compassione di Dio verso di noi

Da tutta l’eternità il Padre ha avuto compassione per la sua creazione.

  1. Quando Lucifero si è ribellato contro Dio, il Padre ha allontanato lui e tutti i suoi associati dal resto della creazione per proteggerla dal contaminatore.
    1. Quando Dio creò l’uomo, gli diede l’autorità di governare sulla terra e tutto ciò che vi si trova sopra, con l’ordine di proteggere il giardino.
    2. Quando l’uomo ha disobbedito, il Padre lo ha cacciato dal giardino, non senza promettergli la venuta di un Salvatore che avrebbe schiacciato la testa del serpente.
  2. Nel corso della storia di Israele, il Signore ha ripetutamente dimostrato la sua compassione per il suo popolo,
    1. salvandolo dai suoi nemici,
    2. liberandolo dalle sue stesse cattive vie,
    3. mandando i suoi profeti per mettere il suo popolo sulla retta via
    4. e, occasionalmente, portando segni e miracoli per guarire i malati.
  3. Durante il suo ministero, Gesù dimostrò attraverso l’amore perfetto di Dio che era compassionevole:
    1. Guarigione dei malati
    2. Caccia ai demoni
    3. Risvegliare i morti
  4. Inviando la Chiesa a predicare la Buona Novella del Vangelo in tutto il mondo, Gesù dimostra che l’amore perfetto di Dio è compassionevole per tutti coloro che sono perduti.

Come fa l’amore di Dio a scacciare la paura dai nostri cuori? L’amore perfetto dissipa la paura perché…..

III. L’amore perfetto di Dio ci rivela l’opera perfetta di Dio

  1. Le caratteristiche dell’amore di Dio.
    1. Eterno nella sua origine (Geremia 31:3).
    2. Non meritato nei suoi oggetti (Ezechiele 36:21-23)
    3. Immutabile nella sua natura (Salmi 89:30-36).
    4. Di inenarrabile valore (Efesini 3:17-19).
    5. Eterno nella sua durata (Efesini 3:11-12).
  2. La manifestazione dell’amore di Dio.
    1. La grandezza e la gloria della persona che manda: Dio (Isaia 57,15).
    2. La dignità della persona inviata: Cristo, l’uomo di Dio (Ebrei 1:3).
    3. Il luogo dove è stato mandato: questo mondo (1 Giovanni 4:9).
    4. Lo scopo per cui è stato inviato: la salvezza (Galati 4:4-5).
  3. Lo scopo pieno di grazia.
    1. Una vita di riconciliazione con Dio (2 Corinzi 5:18).
    2. Una vita di giustificazione davanti a Dio (Romani 5:1).
    3. Una vita di comunione divina in Dio (1 Giovanni 1:3).
    4. Una vita di consolazione e di autentica felicità (2 Corinzi 1:5).
    5. Una vita di eterna gloria in cielo (Salmi 73:24; Galati 6:8).
  4. Miglioramento. La natura di questa vita ha molte delle caratteristiche più paradossali ad essa collegate.
    1. Una vita bellicosa ma vittoriosa.
    2. Una vita dolorosa ma piacevole.
    3. Una vita senza amici ma amichevole.
    4. Una vita umile ma esaltata.
    5. Una vita morente ma eterna.
    6. Una vita senza valore eppure molto preziosa

Dio non dorme mai

Una madre e la figlia di quattro anni si preparavano a ritirarsi per la notte. La bambina aveva paura del buio, e anche la madre, sola con la bambina, aveva paura. Quando la luce era spenta, la bambina vide la luna fuori dalla finestra.
— “Mamma”, chiese, “la luna è la luce di Dio?”,
— “Sì”, disse la madre. “La luce di Dio risplende sempre”.
La domanda successiva era:
— “Dio soffierà la sua luce e si addormenterà?
— E la madre rispose: “No, figlia mia. Dio non si addormenta mai”.
Poi, attraverso la semplicità della fede della bambina, la piccola dice qualcosa che rassicura anche la temibile madre: “Finché Dio è sveglio, non avrò paura”.
Non lasciamo che la paura delle tenebre, del fallimento, della sofferenza, della morte, ci privino del nostro sonno e della nostra gioia di vivere! La luce di Dio non si spegne mai; Egli è sempre risvegliato alle nostre necessità.

Celebrazione

Ogni domenica alle ore 10:00.

Ultime domeniche del mese

Ogni alle ore 18:00.